Meteone
Siamo abituati ai colpi di coda dell'Inverno, di solito nel mese di Marzo o al massimo i primi di Aprile, ma quello della prossima settimana è un evento ancora più raro ed è accaduto 3-5 volte negli ultimi 100 anni. Si tratterà di un irruzione di matrice Artica ad Aprile inoltrato (18-20 Aprile), con possibili nevicate a bassissima quota (al Nord addirittura fin quasi in Pianura).

Excursus Storico Episodi freddi e nevosi tardivi: ultimi 40-50 anni.

EpisodioNevoso2003Negli ultimi 40-50 anni è accaduto solamente nel:
  • 1973 (20-21 Aprile): nevicata e freddo storico per il Centro-Nord dell'Italia, con accumuli a Bologna e nevischio addirittura alle porte di Roma. 
  • 1991 (17-18 Aprile): nevicata storica su tutto il Nord Italia. Furono imbiancate Torino e Milano e caddero ben 20cm a Bologna. 
  • 2001 (Pasqua 14-15 Aprile): nevicò con accumuli fin sulla costa abruzzese, nevicò a Viterbo e la neve raggiunse le porte di Roma. Si tratta dell'episodio nevoso più tardivo che si ricordi per le zone costiere e di pianura del Centro Italia.
  • 2003 (9 Aprile): nevicata storica che riuscì a portare circa 10cm sulla costa barese da Monopoli a Bari, fiocchi anche a Brindisi e Lecce (per la costa pugliese è sicuramente l'evento più freddo e nevoso che si ricordi a memoria d'uomo).
  • 2015 (7-8 Aprile, Pasqua cadeva il 5 Aprile): nevicata che coincide sempre col periodo pasquale, precisamente dopo pasquetta, e la neve cadde fino a quote collinari (400m) sul Sud Italia, imbiancata la murgia barese.
*Si ricordano altre nevicate tardive, ma per quanto riguarda le zone coinvolte, la quota neve e la portata del freddo, di entità sicuramente minore rispetto alle sopra citate. 

PREVISIONI 18-20 Aprile 2017: Aria Artica e neve a bassa quota!

Giungiamo finalmente alle previsioni per questa prossima ondata di freddo tardiva. Visto il periodo si andrà a collocare nei primi posti, tra il 1973 e il 1991. Per le zone coinvolte c'è ancora dell'incertezza, inseriamo l'ipotesi più accreditata dai modelli numerico previsionali, ma vi consigliamo di seguirci nei prossimi giorni per ulteriori aggiornamenti.
 
ColpoDiCodaInverno2017-1
 
FASE 1 - Ingresso dell'Aria Artica dalla Porta della Bora Martedì 18 Aprile con la formazione di un minimo profondo sul Nord Italia, temporali violenti associati a forti grandinate sulla Pianura Padana e sulle coste dell'Alto Adriatico.
 
Nevicate a quote basse - Crollo della quota neve entro sera fino a bassa quota sul Nord/Est e Medio-Alto Adriatico (Quota neve sui 400-500m). Tra la notte e il mattino di Mercoledì 19 la quota neve scenderà ulteriormente assestandosi sulla bassa collina (200-300m), sempre sul Medio-Alto Adriatico. Accumuli nevosi solamente oltre i 300-400m. Non escludiamo nelle precipitazioni più intense episodi nevosi fino in Pianura sulla fascia Adriatica del centro-nord Italia. Gli accumuli relegati in collina, ma fiocchi e episodi nevosi coreografici che raggiungeranno la pianura, con grandinate miste a neve tonda possibili fin sulle coste.
 
ColpoDiCodaInverno2017-2
 
FASE 2 - Tra Mercoledì 19 e Giovedì 20 il minimo si sposterà lentamente verso sud/est, interessando anche il Sud Italia e in modo particolare il Medio-basso Adriatico, con temporali e forti grandinate su Molise, Puglia, Campania, Basilicata e Calabria settentrionale.
 
Nevicate a quote medie - Episodi nevosi in Appennino Dauno, Gargano, Appennino molisano e lucano (e da non escludere l'AltaMurgia barese) fino a quote di 500-600m. Accumuli oltre gli 800m.
 
VENTI FORTI E MARI AGITATI - Tutto il periodo sarà interessato da forti venti di Bora, Grecale e Tramontana (anche sui 80-100km/h), e mari da agitati a molto agitati. Le temperature saranno quelle tipicamente invernali e anche in pianura si andrà difficilmente oltre i 10°C. 
 
 
 
Discussione Utenti
Re: E fu Inverno: Neve e freddo fuori stagione! -- Geloneve
Thursday, 20 April 2017 05:29
-1,3°c la temperatura minima con brinata qui a San Biagio (RA), nella pianura tra Faenza e Forlì, con cielo variabile e vento assente.

Senza la presenza parziale ma continua delle nubi (come è successo, invece, ad esempio, sui reparti centro-occidentali regionali), la temperatura sarebbe potuta scendere anche a -2°c.
Questa temperatura è la seconda più bassa di aprile da quando ho la stazione meteo (dicembre 2010): la più bassa rimane -2,2°c dell'08/04/15.
Risulta essere anche la temperatura negativa più tardiva di sempre (da annotare, comunque, i +0,6°c con brinata il giorno 18 maggio 2012).

[img]https://scontent.fmxp1-1.fna.fbcdn.net/v/t1.0-9/18034301_10203071119775160_1626834559922959102_n.jpg?oh=6089696ae67261ef741c132cd7c6b246&oe=5996E1E7[/img]

Ultimo bollettino

Martedì 13 Giugno 2017 - 11:55

Ondata di caldo, ma attenzione ai temporali pomeridiani

L'Anticiclone africano ha ormai conquistato tutto il Mediterraneo con temperature in netto rialzo anche al Sud, interessato nei giorni scorsi... Leggi tutto

Allerte Italia

Ass. "Meteo Puglia e Basilicata"
C.F. 91094850723
Altamura (BA) - CAP 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.