Meteone

La tromba d'aria potrebbe aver raggiunto la categoria F3: evento raro ma non anomalo per il Salento. 

TornadoIntroDomenica 25 Novembre 2018. Questa data resterà a lungo impressa nella mente di molti pugliesi e soprattutto salentini: un violento tornado si è infatti abbattuto sul basso leccese devastando campagne e paesi.
 
Un evento raro per le nostre regioni? Sì. Ma non si tratta assolutamente di una anomalia. Il Salento in particolare è soggetto a questo tipo di eventi che si sono già verificati in passato. Essendo il fenomeno poco studiato in Italia è difficile fare un confronto preciso, tuttavia è notevole la tipologia di tornado che si è verificato questa volta.
 
Mettendo insieme le varie segnalazioni, foto e video, possiamo ricostruire in primis la traiettoria del tornado: si è formato probabilmente nella zona della Marina di San Gregorio e si è poi spostato verso nord-est, colpendo Patù, Corsano, Tiggiano e poi il territorio di Tricase dove ha raggiunto probabilmente il pieno della sua potenza. Ma perché si è formato?
 
Come già accaduto solamente una settimana fa, la situazione a livello barico, anche questa volta, era decisamente "esplosiva". Ancora una volta il Jet-Stream (venti ad alta quota, all'altezza di 300hpa) erano intensi e divergenti tra crotonese e Salento, e ancora una volta al suolo i venti convergevano, creando i presupposti per la formazione di supercelle ad asse obliquo. 
JetStream
Anche in questo caso il "Tornado Parameter" e il "low level Shear" elevato (forte variazione della direzione e dell'intensità del vento alla quota di 0-1km) facevano presagire alla formazione di pericolose supercelle tornadiche.
 
Citiamo il testo dell'articolo della scorsa settimana, sulla spiegazione della mappa che riporta l'indice "Tornado Parameter" del modello Convective Weather Lightningwizard
Breve spiegazione della mappa - In questa mappa i colori di background indicano lo shear tra il suolo e 1 km di altezza, mentre attraverso le linee nere viene indicato lo shear nei primi 6 km di quota. Il primo viene denominato - in inglese - "low level shear" mentre il secondo "deep layer shear"
 
Invece le linee colorate di azzurro, giallo e arancio indicano il "Significant Tornado Parameter", ossia un indice ottenuto attraverso un mix tra deep layer shear, low level shear, CAPE, CIN, LCL. Più si va dal colore azzurro verso i colori arancio e giallo, maggiore è la probabilità - sulla carta, è bene ricordarlo - di Tornado.
 
TornadoIndice
In questa post della nostra pagina social, avevamo pubblicato infatti proprio un aggiornamento previsionale, dove specificavamo il pericolo alto di fenomeni estremi e possibili tornado. 
 
 
Dal punto di vista della struttura del Tornado, l'evento è sicuramente molto raro non solo per il Salento, ma per l'Italia stessa. In alcuni brevi scambi di battute sui social con alcuni storm chaser americani, uno dei commenti è stato: "Probabilmente la cosa più impressionante che abbia visto da molto tempo"
 
Si tratta di un "Wedge Tornado", che tradotto letteralmente significa Tornado a cuneo. Un tipo di Tornado che può assumere dimensioni veramente molte ampie, anche di alcuni km, e generalmente si riconosce perchè la larghezza della base assume quasi le stesse dimensioni dell'altezza del cono. La larghezza di un Tornado, come erroneamente si può pensare, non è proporzionale alla sua forza, anche se solitamente un Wedge Tornado provoca danni da F2/F5. 
 
Ma ciò che rende raro il Tornado che ha colpito Tricase nel leccese è stata la presenza di ulteriori "sub-vortici", rendendolo di fatto un muliple-vortex Tornado. Nel video postato nella giornata di ieri sulla nostra pagina facebook, si può apprezzare la formazione di ben 2 "sub-vortici", che dire: davvero impressionante ⤵
 
Alcune testimonianze fotografiche dei danni a Marina di Tricase (Lecce)
 
 
© Riproduzione Riservata
Discussione Utenti
Non ci sono messaggi in questo articolo

Allerte

NessunaAllertaMeteo

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.