Meteone
 

La cometa raggiungerà il suo punto più vicino alla Terra il 16 dicembre. La sua luminosità aumenterà costantemente fino a magnitudine massima stimata di 8.

Il Natale è in arrivo e anche la "sua" cometa si avvicina: si chiama "46P/Wirtanen" e negli ultimi giorni risulta già visibile dalla Terra. Sarà molto luminosa e la sua chioma ci apparirà grande il doppio della Luna: nei giorni migliorir sarà quindi visibile a occhio nudo ma in luoghi abbastanza bui, lontani da città e inquinamento luminoso.
 
Ad annunciare il suo arrivo è il suo stesso profilo Twitter: "Sono a più di 21 milioni di chilometri dalla Terra - è scritto nel tweet - vicino alla costellazione della Fornace".
 
 
La cometa è stata scoperta nel 1948 dall'astronomo Carl A. Wirtanen: è relativamente piccola, con un diametro di circa 1,2 chilometri, e ha un periodo di rivoluzione, ossia il tempo che impiega per compiere la sua orbita, relativamente breve: tra poco più di 5 anni tornerà ad "affacciarsi" e mostrare lo spettacolo della sua chioma.
 
 
cometa di natale
La cometa fotografata con un telescopio robotico nell'emisfero australe (iTelescope – l'Au-Sso) da Rolando Ligustri dell'Unione astrofili italiani (Uai)
 
La cometa raggiungerà il suo punto più vicino al Sole (perielio) il 12 dicembre, mentre la massima vicinanza con la Terra sarà raggiunta il 16 dello stesso mese, quando la cometa si troverà ad appena 11,5 milioni di chilometri da noi. La sua luminosità quindi aumenterà costantemente fino a metà dicembre, con una magnitudine massima stimata di 8, ma sarà visibile fino ai primi giorni di gennaio.
 
SENZA CODA La cometa si vedrà ad occhio nudo, ma la parte più bella, cioè la coda, non risulterà visibile. La prospettiva, infatti, ci nasconderà proprio una delle peculiarità più note delle comete: la posizione di Terra, Sole e della cometa stessa farà sì, infatti, che rimarrà celata dietro il nucleo e la chioma luminosa. Apparirà quindi quasi come una stella sfocata.
 
COME E QUANDO Il momento migliore sarà tra il 12 e il 16 dicembre: in quei giorni la cometa 46P/Wirtanen si troverà nella costellazione del Toro, sempre più vicina all'ammasso delle Pleiadi, ben riconoscibile a est. Anche se visibile ad occhio nudo, servirà comunque qualche accorgimento per riuscire a fotografarla: servirà un telescopio, seppur non troppo potente, (135mm) con un'apertura 2.8 o 2.0 e Iso 800-1600 per non generare troppo rumore.
 
 
 
 
© Riproduzione riservata
 
Discussione Utenti
Non ci sono messaggi in questo articolo

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.