Meteone
milkywayPiccolaNell'augurarvi buon anno, ritorniamo con il consueto appuntamento mensile per aggiornarvi sui principali eventi astronomici del mese. Con la speranza di riuscire ad avere almeno qualche notte con cielo terso, siete pronti a sfidare il freddo di questo periodo per farvi sorprendere ed emozionare da meteore, comete, congiunzioni e tanto altro?
Non resta che seguire i nostri consigli e aggiornamenti. Cieli sereni!!!

Mese di Gennaio

Eventi principali da ricordare in questo mese: stretta congiunzione tra la cometa Catalina e la brillante stella Arturo della costellazione del Bootes la notte di capodanno, lo sciame meteorico delle Quadrantidi i primi giorni del mese, la congiunzione tra Luna, Venere, Saturno e Antares il 7 gennaio, la stretta congiunzione tra Venere e Saturno il 9 gennaio, la stretta congiunzione tra Luna e Giove il 28 gennaio.

Carte del Cielo 

Diamo uno sguardo d'insieme al cielo notturno di questo mese.
 
Carta del cielo del 1° gennaio alle ore 23 ad una latitudine italiana media di 42°N.
01gen
Carta del cielo del 15 gennaio alle ore 23 ad una latitudine italiana media di 42°N.
15gen
*Nelle mappe del cielo, non sono segnati i pianeti del sistema solare e la Luna.

Costellazioni e stelle (zenit, nord, ovest, sud, est)

- Il cielo di Gennaio è caratterizzato vicino allo zenit  dalla costellazione dell'Auriga, con la brillante stella Capella, circondata dalle altre costellazioni Gemelli e Toro. Nell'Auriga troviamo tre ammassi aperti, che fanno parte del Catalogo Messier: M36, M37 ed M38, di seguito immortalati ma visibili solo con telescopi.
 
m36 m37m38 
- Verso l'orizzonte Nord,  in basso troviamo la costellazione del Dragone che abbraccia l'Orsa Minore, e l'Orsa Maggiore che progressivamente si eleva nel cielo. Più in alto nel cielo si osserva la costellazione della Giraffa. In direzione NO vediamo la costellazione della Lucertola con Cefeo e Cassiopea.
Nell'immagine vediamo il sistema multiplo della stella Polare.
Polaris system
- Ad Ovest, ormai prossima al tramonto la costellazione dei Pesci, accompagnata da Andromeda, Ariete e Balena. Verso SO la grande ma poco visibile costellazione di Eridano.
 
- L'orizzonte Sud è dominato dall'imponente Orione, facilmente visibile ad occhio nudo anche in città, accompagnato dalle costellazioni del Cane Minore, dell'Unicorno e del Cane Maggiore. In questa direzione ritroviamo anche l'asterismo del Triangolo Invernale, formato dalle luminose stelle Sirio della costellazione del Cane Maggiore, Procione della costellazione del Cane Minore e Betelgeuse della costellazione di Orione, riportato nell'immagine qui di seguito.
TriangoloInvernale
- Il cielo ad Estè caratterizzato dalle costellazioni zodiacali del Leone e del Cancro. Con esse inizia ad intravedersi già il cielo primaverile.
 
Eventi celesti del mese
Di seguito, sono elencati giorno per giorno gli eventi astronomici più interessanti nel mese tra cui congiunzioni, eclissi, attività degli sciami meteorici, passaggi di ora solare/legale, posizioni astronomiche particolari.
 

1 Gennaio

La stella Sirio è in opposizione con il Sole alle ore 10:20 e quindi alla sua massima visibilità dell'anno. Transita alla mezzanotte locale, risulta molto brillante (m=-1,4) e quindi facilmente visibile ad occhio nudo.

2 Gennaio

  • La Luna è all'ultimo quarto alle ore 06:31. In questo giorno la Luna di vede meglio prima dell'alba.
  • La Luna è alla sua massima distanza di 404302 km dalla Terra alle ore 12:46 (apogeo).
  • Il Sole è alla sua minima distanza di 147,10 milioni di km dalla Terra alle ore 21:24 (perigeo).

3 Gennaio

  • La Luna e e la stella Spica sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 03:30 quando la loro separazione è di 4,2° N.

4 Gennaio

  • La Luna e il pianeta Marte sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 02:17 quando la loro separazione è di 3,6° E.
  • L'alba più tardiva dell'anno si verifica alle ore 07:37.
  • Lo sciame meteorico delle Quadrantidi raggiunge il suo massimo; il numero di meteore visibili in circostanze ideali è 120/h.

5 Gennaio

Il pianeta Mercurio é stazionario alle ore 05:38; successivamente inizierà il suo moto retrogrado.

6 Gennaio

  • Il pianeta Venere e la stella Spica sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 13:19 quando la loro separazione è di 6,5° N.
  • Il pianeta Urano è all'incirca alla sua migliore visibilità dell'anno. E' molto tenue (m=5,8) e visibile ad occhio nudo solo sotto un cielo perfettamente buio. Si consiglia l'utilizzo almeno di un binocolo.

7 Gennaio

  • La Luna e la stella Antares sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 05:56 quando la loro separazione è di 9,2° NNE.
  • La Luna e il pianeta Venere sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 05:25 quando la loro separazione è di 3,5° NE.
  • La Luna e il pianeta Saturno sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 05:39 quando la loro separazione è di 2,7° NNE.

8 Gennaio

  • Il pianeta Plutone è alla sua massima distanza di 5086,78 milioni di km dalla Terra alle ore 02:35.
  • Il pianeta Mercurio è alla sua minima distanza di 46 milioni di km dalla Terra alle ore 18:36.
  • Il pianeta Giove è stazionario alle ore 19:41; successivamente inizierà il suo moto retrogrado. E' molto brillante (m=-2,2), risultando un oggetto prominente nel cielo notturno e crepuscolare.

9 Gennaio

I pianeti Venere e Saturno sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 05:39 quando la loro separazione è di 0,1° NNE. Questa è una congiunzione molto ravvicinata dei due oggetti.

10 Gennaio

La Luna nuova si verifica alle ore 02:31. In questo giorno la Luna si trova tra Sole e Terra e quindi non è visibile.

11 Gennaio

Nessun evento.

12 Gennaio

Finisce l'attività dello sciame meteorico delle Quadrantidi.

13 Gennaio

  • La Luna e il pianeta Nettuno sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 18:37 quando la loro separazione è di 2,3° NNE.
  • La stella Procione è in opposizione con il Sole alle ore 19:35 e quindi alla sua massima visibilità dell'anno. Transita alla mezzanotte locale, risulta molto brillante (m=0,4) e quindi facilmente visibile ad occhio nudo.

14 Gennaio

La Luna si trova nel nodo discendente della sua orbita alle ore 16:41.

15 Gennaio

  • La Luna è alla sua minima distanza di 369656 km dalla Terra alle ore 01:11 (perigeo).
  • La stella Polluce è in opposizione con il Sole alle ore 04:56 e quindi alla sua massima visibilità dell'anno. Transita alla mezzanotte locale, risulta molto brillante (m=1,2) e quindi visibile ad occhio nudo.
  • Il pianeta Mercurio è alla sua minima distanza di 99,76 milioni di km dalla Terra alle ore 16:25.

16 Gennaio

La Luna e il pianeta Urano sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 23:22 quando la loro separazione è di 6,3° SO.

17 Gennaio

  • La Luna è al primo quarto alle ore 00:27.
  • La cometa Catalina è alla sua minima distanza di 108,41 milioni di km dalla Terra alle ore 06:23.

18 Gennaio

Nessun evento.



19 Gennaio

La Luna e l'ammasso aperto delle Pleiadi sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 03:03 quando la loro separazione è di 10,4° SSO.

20 Gennaio

La Luna e la stella Aldebaran sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 03:19 quando la loro separazione è di 0,7° O.

21 Gennaio

Nessun evento.

22 Gennaio

Nessun evento.

23 Gennaio

Nessun evento.

24 Gennaio

  • La Luna piena si verifica alle ore 02:46. In questo giorno la Terra si trova tra Luna e Sole e la Luna è visibile per tutta la notte.
  • La Luna e l'ammasso aperto del Presepe sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 06:24 quando la loro separazione è di 6,2° SO.

25 Gennaio

Il pianeta Mercurio é stazionario alle ore 19:40; successivamente inizierà il suo moto progrado. Risulta brillante (m=0,6) e visibile ad occhio nudo.

26 Gennaio

La Luna e la stella Regolo sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 06:32 quando la loro separazione è di 3,2° S.

27 Gennaio

Nessun evento.

28 Gennaio

  • La Luna si trova nel nodo ascendente della sua orbita alle ore 01:07.
  • La Luna e il pianeta Giove sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 01:45 quando la loro separazione è di 1,9° S. Questa è una congiunzione molto ravvicinata dei due oggetti.

29 Gennaio

Nessun evento

30 Gennaio

  • La Luna è alla sua massima distanza di 404583 km dalla Terra alle ore 10:03 (apogeo).
  • La Luna e la stella Spica sono in congiunzione; il momento di maggiore visibilità della congiunzione è alle ore 06:30 quando la loro separazione è di 6,1° NNO.

31 Gennaio

Nessun evento.
Nelle seguenti immagini vi riportiamo le foto e simulazioni di alcuni eventi che avverranno durante il mese.

*L'astrofotografo Chris Schur è riuscito a catturare il momento della congiunzione strettissima tra la cometa Catalina e la brillante stella Arturo nella notte di capodanno.

ChrisSchur-CatalinaArturo
* La stretta congiunzione tra Venere e Saturno la mattina del 9 gennaio alle ore 05:39 in direzione SE.
Venere-Saturno
* La stretta congiunzione tra Luna e Giove il 28 gennaio alle ore 01:45 in direzione SE, a metà strada tra le stella Spica della Vergine e Regolo del Leone.
Luna-Giove

Orari Sole e Luna

*Sole
 
  sorge tramonta culmina
1 gennaio 07 : 37 16 : 49 12 : 13
5 gennaio 07 : 37 16 : 52 12 : 15
10 gennaio 07 : 37 16 : 57 12 : 17
15 gennaio 07 : 35 17 : 03 12 : 19
20 gennaio 07 : 33 17 : 09 12 : 21
25 gennaio 07 : 29 17 : 15 12 : 22
 
*Luna
 
ultimo quarto
ultimo quarto
02 Gennaio 2016 06 : 31
novilunio
novilunio
10 Gennaio 2016 02 : 31
primo quarto
primo quarto
17 Gennaio 2016 00 : 26
plenilunio
plenilunio
24 Gennaio 2016 02 : 46

Pianeti in Gennaio

Mercurio

 I primi giorni del mese risulta ancora visibile tra le luci del crepuscolo. Il giorno 5 risulta stazionario e più facilmente visibile in direzione SO; successivamente riprende il suo moto retrogrado. Verso metà mese non sarà più visibile e il 14 si troverà in congiunzione inferiore con il Sole. A fine mese ritornerà discretamente visibile all'alba.

Venere

 Con il passare dei giorni, sorge sempre più vicino all'alba e quindi il suo periodo di osservabilità si riduce giorno per giorno. Lo troviamo in direzione SE prima del sorgere del Sole.

Marte

 Anche questo mese, il pianeta Rosso risulta visibile nella seconda parte della notte in direzione SSE, tra e costellazioni della Vergine e della Bilancia.

Giove

Il gigante del sistema solare è visibile quasi tutta la notte tra le costellazioni della Vergine e del Leone. Il giorno 8 risulta stazionario e poi inizia il suo moto retrogrado. Si può individuare in direzione SSE.

Saturno

 I primi giorni del mese Saturno si trova vicino a Venere, con cui ha una stretta congiunzione il giorno 9. Successivamente, si muove lentamente nella costellazione dell'Ofiuco, in direzione SE.

Urano

 Si riduce l'intervallo di tempo di osservazione di questo pianeta. Lo troviamo nella costellazione dei Pesci in direzione OSO, nella prima parte della serata.

Nettuno

 Si trova nella costellazione dell'Acquario e risulta visibile solo nelle prime ore serali in direzione OSO. Tramonta intorno alle 20,30 e risulta difficilmente visibile ad occhio nudo.

Meteore

Lo sciame meteorico più importante del mese di gennaio è quello delle Quadrantidi. Il loro nome è dovuto al fatto che il radiante da dove provengono le meteore si trova nei pressi di una costellazione non più presente negli atlanti astronomici, il Quadrante Murale, adesso inglobata nelle costellazioni del Bootes, di Ercole e del Dragone.
Non è ancora certa la sua provenienza: si suppone sia generato da un asteroide oppure dalla cometa C/1490 Y1, osservata da astronomi asiatici 500 anni fa.
La caratteristica di questo sciame è che le sue meteore sono "lente" e le loro tracce sono generalmente di colore blu.
I coraggiosi che vogliono sfidare il freddo di questo periodo sono ripagati da uno spettacolo celeste di tutto rispetto: nel picco di attività, che dura pochissime ore e quest'anno è previsto inizi prima dell'alba del giorno 4, è possibile osservare oltre 100 meteore all'ora.
 
Nell'immagine una simulazione del cielo del 4 gennaio alle ore 3:00 in direzione NE.
quadrantidi

Comete

-C/2013 US10 Catalina la cometa più importante di questo periodo ha dato spettacolo il 1° Gennaio con la strettissima congiunzione con la brillante stella Arturo della costellazione del Bootes e continuerà a dare spettacolo nei prossimi giorni, arrivando al perigeo il 17 di questo mese, passando vicino alla stella Polare. Dopo questo traguardo risulterà circumpolare e quindi visibile in tutte le ore di buio.

L'immagine è una simulazione del cielo del 17 gennaio alle ore 23:40 in direzione NE.

Catalina

-C/2014 S2 PANSTARRS i suoi parametri di luminosità restano quasi invariati per questo mese. Ancora circumpolare, possiamo sempre trovarla nella costellazione del Dragone durante tutta la notte astronomica.

L'immagine è una simulazione del cielo del 18 gennaio alle ore 05:50 in direzione NE.

c2014 s2 Panstarrs

-C/2013 X1 PANSTARRS comodamente visibile nella prima parte della sera, si trova ancora nella costellazione di Pegaso. Gli esperti dicono che potrebbe aumentare di luminosità in questo mese.

L'immagine è una simulazione del cielo del 14 gennaio alle ore 18:40 in direzione OSO.

c2013 x1 Panstarrs

-P/2010 V1 Ikeya-Murakami cometa periodica del sistema solare, scoperta nel 2010 da due astronomi giapponesi. Ha un periodo orbitale di poco più di 5 anni e in questa primavera potrebbe sorprenderci. Attendiamo i prossimi mesi per ulteriori dettagli. Attualmente si trova tra la costellazione del Leone Minore e quella della Lince.

L'immagine è una simulazione del cielo del 15 gennaio alle ore 02:21 circa in direzione dello zenit.

IkeyaMurakami

** Gli orari sono riferiti all'orario solare (UTC + 1) e sono calcolati per la latitudine media italiana (Roma 12°29' Est – 41°53' Nord).
 
** Si ringrazia l'astrofotografo Rolando Ligustri per averci concesso l'utilizzo delle sue foto astronomiche.
 
 
 
 
 
 
Discussione Utenti
Re: Il cielo: Gennaio 2016 -- damy87
Sunday, 10 January 2016 08:59
Tra un po di ore leggo


inviato dal mio lg l90

Ultimo Bollettino

Bollettino Meteo | Temporali al Nord, caldo crescente al Centro-Sud

Situazione ribaltata: il Nord finalmente respira, al Sud invece inizio settimana con caldo crescente. Attenzione forti temporali sulle regioni settentrionali con rischio grandinate.

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Актуальная информация nuru massage downtown на сайте.
Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.