Meteone

Si sta andando verso un nuovo profondo minimo solare, dopo quello del ciclo 23. Se le premesse dovessero essere rispettate, il minimo del ciclo 24 dovrebbe superare il numero di giorni spotless del precendete ciclo. Ci potrebbero essere conseguenze sul clima terrestre?

PREMESSE PER I PROFANI
Delle brevi premesse per chi è a digiuno di ciclici solari, minimi e macchie solari tra i nostri lettori:
 
Cicli solari, cosa sono? I cicli solari durano all'incirca 11 anni e rappresentano l'attività magnetica solare del nostro sole, che si può dire il "motore" di tutti i fenomeni solari. Al suo interno possiamo riconoscere un massimo solare e un minimo solare, che dipendono dal numero e dalla attività magnetica delle macchie solari. 
 
Cosa sono i minimi solari? Un minimo solare, a differenza del massimo solare si registra quando all'interno del sole si susseguono numerosi giorni spotless (cioè senza macchie). 
 
Cicli forti e deboli? Da quando è iniziato lo studio delle macchie solari, con Galileo nel 1500, gli astronomi hanno contato il numero di macchie solari. Gli studi si sono appofonditi però solamente nel 1800 e 1900, quando, grazie anche alle tecnologie sempre più avanzate, si è riusciti a contare con più precisione il numero di macchie. Dal 1500 ad oggi si sono susseguiti periodi con cicli solari molto deboli a cicli solari molto forti. Tra quelli più deboli ricordiamo il Minimo di Maunder dal 1645 al 1715 e il Minimo di Dalton tra il 1790 e il 1830. Il 20° secolo invece è stato caratterizzato da cicli molto forti (Modern Maximum), ma gli ultimi cicli stanno andando i netta controtendenza...
MinimiSolari
GLI ULTIMI CICLI SOLARI MOLTO DEBOLI
Arriviamo ora al succo del nostro articolo. Tra il 2004 e il 2011 sono stati conteggiati ben 821 giorni senza macchie, contro una media di 486. Negli ultimi 100 anni soltanto tra il 1911 e il 1914 il sole era stato così eccezionalmente "pigro". 
 
Dopo il picco del ciclo 19 degli anni 60, solamente il ciclo 20 aveva mostrato "qualche incertezza", infatti il successivo ciclo 21, iniziato intorno agli anni '80, ci aveva proiettati verso una nuova fase di cicli molto forti. Ma così non è stato, ed è seguito un leggero calo nel ciclo 22, e poi un ulteriore nel 23, che ha aperto definitivamente le porte a un "profondo minimo" a cavallo tra il ciclo 23 e il ciclo 24.
 
Noi di meteone seguiamo il sole sin dal debolissimo minimo tra il 2008 e il 2011, insieme agli esperti di daltonsminima, ed è stato evidente sin da allora, che davanti a noi si stesse profilando una nuova fase di quiescenza del sole, nonostante le errate previsioni della NASA.
CicliSolari1900
Il ciclo 24 infatti ha disatteso tutte le possibili previsioni, risultando più debole anche delle previsioni più "nefaste". E ora il sole si appresta ad entrare in un nuovo profondo minimo solare che potrebbe portarci verso un ciclo solare 25 estremamente debole. 
 
Ci apprestiamo a un nuovo minimo di Dalton o addirittura di Maunder? Non ci resta che aspettare, questa volta anche le previsioni della NASA sono a favore di un ciclo solare ancora più debole del 24. 
 
PrevNasa
CONSEGUENZE SUL CLIMA TERRESTRE?
Ne abbiamo già parlato in passato sul nostro portale. Riportiamo una serie di nostro articoli che potranno aiutarvi a introdurvi nel complesso mondo dei "cambiamenti climatici".
 
1. Climate Change: Natural o Anthropic? Parte 1 (Introduzioni alle varie teorie sui cambiamenti climatici e riscaldamento globale)
2. Climate Change: Natural o Anthropic? Parte 2 (Introduzione agli studi si Svensmark su cicli solari, raggi cosmici, nubi. E il progetto CLOUD del CERN di Ginevra)
3. Climate Change: Natural o Anthropic? Parte 3 (Approfondimento degli studi di Svensmark e le sperimentazioni del Progetto CLOUD del CERN di Ginevra sui raggi cosmici, nubi e relativi cambiamenti climatici)
4. La genesi delle Ere Glaciali - Parte 1 (Inseriamo anche questo articolo, perchè può essere utile per capire cosa siano le ere glaciali, molte volte si fa confusione tra periodi ed ere glaciali. Inoltre ci fa capire la portata colossale di questi eventi, che non vanno confusi assolutamente con le brevissime fasi più fredde o più calde degli ultimi millenni). 
CONCLUSIONI
Se avrete letto attentamente questi articoli introduttivi e di approfondimento, vi sarete certamente accorti che la scienza procede per fasi che passano dall'osservazione, all'elaborazione di una teoria, che deve poi passare al vaglio della sperimentazione. Molte vole questi passaggi o per negligenza o perchè si vuole forzare "il metodo scientifico" non vengono rispettati. 
 
Ad oggi noi di meteone valutiamo tutte le teorie sui cambiamenti climatici, e al vaglio della nostra ragione decidiamo se seguire o meno una pista rispetto all'altra. E' da tempo che seguiamo gli studi di Svensmark e le sperimentazioni del CERN e continueremo a farlo, senza demonizzare le teorie contrarie che vedono l'Uomo come assoluta causa dei cambiamenti climatici e del riscaldamento globale attuale. Sperando che lo stesso possa avvenire dall'altra parte.
 
Carbonio 14 e Cicli solari - Concludiamo con questa immagine che vede la correlazione dei cicli del Carbonio 14 e cicli solari. Possiamo vedere come negli ultimi 100 anni il Carbonio 14 intrappolato nelle calotte polari abbia raggiunto livelli da record, questo ci fa capire come i cicli solari dell'ultimo secolo siano stati i più forti degli ultimi 9000 anni. 
 
CicloCarbonio14MinimiSolari
 
 
 
Discussione Utenti
Re: Verso un profondo minimo solare. Quali conseguenze sul clima? -- 88antonio
Friday, 28 September 2018 16:06
Riprendo in questo post per aggiornare la situazione sull'attività solare.
10° giorno consecutivo spotless e 21°per Settembre.
Ad oggi il Conteggio [URL="https://www.attivitasolare.com/glossario/noaa/"]NOAA[/URL]/SWPC dei giorni spotless provvisori nel 2018 è di 156 e mancano poco più di 3mesi alla fine dell'anno, numeri notevoli insomma con velocità del flusso solare debole (media mensile di 68.1)

Allerte Italia

AllerteItaliaBASE

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.