Meteone

Alla scoperta del fenomeno dello StratWarming. Un fenomeno molto importante ai fini del tempo nell’emisfero boreale, soprattutto per quanto riguarda la stagione invernale. I primi studi, il perché del fenomeno, e l’importanza ai fini predittivi. La Rubrica verrà curata da Marco Giordano e si dividerà in parti, che vedranno la pubblicazione a distanza settimanale. Buona lettura…

Parte 1: la composizione dell’Atmosfera Terrestre

01 - Struttura atmosfera

L’atmosfera terrestre, l’involucro di gas che riveste il nostro pianeta ha una massa di 5 x 10^18 Kg, tre quarti della quale è contenuta nei primi 11 km di altitudine. Costituita dal 78% di Azoto, 21% di Ossigeno, 1% di Argon e il restante 1% di altri gas.

L’atmosfera è suddividibile in più strati, o sfere, ricavata dall’inversione del gradiente termico verticale, che dal basso in ordine di altezza sono: troposfera, stratosfera, mesosfera, termosfera, ionosfera ed esosfera.

Nella Troposfera avvengono quasi tutti i fenomeni meteorologici, contiene l’80% della massa gassosa e il 99% del vapore acqueo, riscaldata dalla superficie terrestre, la temperatura diminuisce con l’altitudine fino a circa -55°C della tropopausa. L’aria degli strati più bassi, che tende a salire, genera grandi correnti convettive da cui origina la circolazione terrestre.

La Stratosfera sovrastante la Troposfera arriva ad un’altezza di 50-60 km, avviene un’inversione termica fino alla temperatura di 0°C dovuto alla presenza di ozono.

La Mesosfera va dai 50 ai 90 km di quota, la temperatura riprende a diminuire fino ad un valore compreso tra i -70°C e i -90°C.

La Termosfera sovrastante la Mesosfera si contraddistingue per l’aumento termico con la quota, fino ad una temperatura di 1000°C ad un’altezza di circa 300 km.

La Ionosfera è la sfera in cui i gas atmosferici sono ionizzati, esposta direttamente alla radiazione solare che “strappa” gli elettroni dagli atomi e dalle molecole. La temperatura a causa dell’irraggiamento solare arriva a 1700°C. Al confine con la mesopausa avvengono le aurore polari. Riflettendo le onde radio, aiutandole a propagarsi, la ionosfera riflette una grande importanza nelle telecomunicazioni.

L’Esosfera è la parte più esterna dell’atmosfera terrestre sfuma verso lo spazio interplanetario e comprende parte delle fasce di Van Allen.  Costituita principalmente da Idrogeno ed Elio, particelle del vento solare catturate dalla magnetosfera terrestre. La temperatura raggiunge i 2000°C (temperatura cinetica), portando alcune molecole a perdersi nello spazio, raggiungendo la velocità di fuga (11,2 km/s).

Fine Parte 1, nella prossima parte inizieremo a sondare il campo dello stratwarming. Buon proseguimento su Meteone…

 

Discussione Utenti
Non ci sono messaggi in questo articolo

Ultimo bollettino

Mercoledì 15 Novembre 2017 - 18:31

Ancora 48 ore di piogge e temporali al Centro-Sud!

Ancora temporali e rovesci sulle regioni centro-meridionali. La lunga fase di maltempo vedrà ancora 48H di piogge abbondanti sulle regioni... Leggi tutto

Allerte Italia

Ass. "Meteo One"
P.Iva 08066860720
Via Macchiavelli, 112
Altamura (BA) 70022 
info@meteone.it

Seguici su:

   icogoogleplus

Nota - Il Sito fa uso di cookie - I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.